Blog: http://CircoloPickwick.ilcannocchiale.it

L'insostenibile leggerezza dell'etere

Quanto tempo occorre per canonizzare un martire? Lo stesso tempo che si impiega per creare un personaggio da barzelletta.

E le barzellette, si sa, girano inconsistenti  in eterno, ma fanno ridere una volta sola.

E così, alla maschera nera del Cavaliere di strisciana memoria, si sostituisce ora una maschera di sangue.

A dirla tutta, mi ha fatto un certo effetto vederlo conciato in quel modo, orfano del suo intramontabile sorriso a reti unificate.

No, nessuna denuncia alla violenza gratuita. Sarebbe come affermare che a Piazzale Loreto ci fu qualcuno che si scandalizzò per la scelta della modalità di pestaggio.

Non esiste una violenza motivata, a meno che l’atto violento non impieghi un secondo ad abbandonare la mente di un matto e tramutare così quel pensiero in atto.

Il tipo in questione sapeva benissimo cosa stava facendo, l’unico, forse, nelle ultime 24 h.

Il resto è l’effetto placebo dell’etere: un eroe sfigurato, un’indignazione a buon mercato, bollettini medici e tanto tanto stupore.

Il Cinepanettone ha trovato un degno sostituto, in anticipo sui tempi, stavolta.

Pubblicato il 14/12/2009 alle 21.49 nella rubrica Oblò(g).

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web